Dove vai?


( Edera – radici – anima )

Seguo la strada segnata da un battito dopo l’altro, un respiro dopo l’altro, una ferita dopo l’altra.

Accanto.

Annunci

Senza fiato


( Treno – stanchezza – mattina presto – troppi pensieri nel vagone)

Corro il tempo che mi resta.

So di avere poco fiato.

Non so quanto tempo rimane.

Chiudo gli occhi.

Domande e risposte


( Valle Castellana – Cortino (Teramo) – perdita d’occhio)

Ho gridato in silenzio mille domande senza risposta, nella speranza di scoprire che il sentiero è quello giusto.

Ho ascoltato il frastuono delle foglie che ondeggiano, dell’erba che cresce, delle pietre che si consumano lisciate dal vento e dal tempo.

Il cuore che batte resta l’unica risposta.

Dentro


( Viale di Cipressi e Cedri – Pacentro – verso il cimitero)

L’essenziale è già nelle nostre mani, gustiamoci il viaggio nelle sue piccole cose belle: il profumo intenso della resina, la terra che sa di bagnato, il vento, fresco, che spira dalla Valle e scimurra i capelli legati.

Il finestrino dell’auto resta abbassato, si avanza piano a motore cupo e sforzato.

Il tempo è rimasto sospeso tra i rami intrecciati degli alberi, all’alba di un martedì di Agosto.

Basterà, forse, questo fermo immagine, per i giorni a venire.