Flamenco


L’asfalto è vestito di ghiaccio, le chiazze di neve sporca agli angoli del piazzale invaso di macchine hanno riflessi aranciati per colpa dell’unico lampione sbattuto proprio nel mezzo..
Cicaleggiare di gente infreddolita, gente che aspetta di dare il via al divertimento.. Popolo di una notte di fine inverno pronto a stiparsi nelle sale in penombra del locale alla moda..
Un pesante drappo di tessuto nero nasconde l’ingresso e separa l’attesa dalla frenesia della musica pompata..
Niente di nuovo sul fronte occidentale.. Pavimento lucido, pareti di mattoncini ruvidi , esili sgabelli hi-tech, ragazze annoiate al bancone del bar..
Perfino i coktails colorati hanno l’aria depressa.. i cubetti di ghiaccio fanno a gara a sciogliersi prima che l’invasione abbia inizio..
Due gradini.. Un separè di lamina nera… la pista , fasci di luce tenue tagliano l’ombra di sbieco..
Addossati alla parete ci sono un tamtam, una chitarra ed un violino…. Frazioni di tempo..ora ci sono un tamtam una chitarra un violino e 6 mani che delicatamente ma intensamente fanno entrare emozioni in questa cappa di ordinario divertimento..
E’ comparsa all’improvviso.. Aveva un vestito rosso fuoco, i capelli a crocchia raccolti, orecchini da zingara, labbra rosse ..
Le balze della gonna frusciavano a tempo di musica..
I suoi tacchi hanno iniziato una danza infernale.. ritmica, lenta, frenetica,lenta..
Magnetica.
Ti afferra, come una calamita, ti cattura , scopre le caviglie sottili segnate dal cinturino delle scarpette..
Scatti felini, mille ricami disegnati nell’aria dalle mani..
Lei, la musica, il violino stridulo, il tam tam.. silenzio.
Il mento alto a sfidare la platea ammutolita..
Può essere solo battito di mani..
Può essere solo flamenco.
Annunci

Autore: Nora Marchini

Nell'aggiornare le info sui profili perdo sempre la capacità di sintesi. Non che io abbia tutte queste cose da descrivere. Faccio la mamma. Lavoro nell'IT ( Information Technology cioè i computer e tutto ciò che c'è di informatico ed elettronico). Leggo per passione. Scrivo per passione e perchè mi fa stare meglio. Cucino per rilassarmi. Vivo in quel che rimane della città di L'Aquila.

4 thoughts on “Flamenco”

  1. Non ci siamo Eleonora, non hai colto il senso di una danza che ha radici tribali, compiuta nella sua infinita variazione ritmica su una base che cava sangue dal cuore e pulsa nelle estremità, dalla centratura di se stessi alla molteplice invenzione fantasmatica delle dita dei piedi e delle mani che afferrano, accarezzano, graffiano, scrivono e codificano a caratteri di fuoco in un linguaggio che trasmette, in chi guarda e ascolta, il battito di un cuore unito a mille altri cuori, nella sovrappposizione di centinaia di tocchi, nella ripetizione spasmodica di un respiro che, sempre più corto, provoca un orgasmo di umori vaginali che sgorgano come una sorgente ed erezioni e carezze falliche zampillanti di vita.
    Questo è il flamenco, non un tintinnare di ghiaccio nel bicchiere portato alla bocca annoiata di chi non è in grado di pulsare in potenza erotica nell’amplesso, è la differenza che passa, per un uomo, tra l’avere nel letto una bistecca da inforchettare e una Venere che sazia e gode del godere altrui, resuscitando pure i morti.
    Il flamenco è amore carnale, è passione dell’anima, è attaccamento e possesso, liberazione e catarsi.
    Per questo Don José uccide Carmen, perché sa che quella donna è ricolma di sensualità, calore, fremiti sparsi come semi al vento per tanti uccelli pronti a beccare e non è sua, né mai lo sarà, perché e figlia del vento e come una tempesta batte alle porte e alle tempie di chiunque sia in grado di percepire eros nelle scarpe di un altro.

    Perdonami, ma amo tropppo il flamenco per vederlo trattato come un diversivo da hi-tech.

    Mi piace

    1. a mia parziale, parzialissima , discolpa, ammetto che il pezzo è stato scritto diversi anni fa e solo ripescato per l’occasione. Forse Paco de Lucia non sarebbe affatto contento di leggerlo, io stessa, riflettendo, non ne sono poi così soddisfatta. In realtà , quell’occasione è stata il mio primo incontro con una danza così profonda e visceralmente sessuale come è il flamenco ( quasi al pari del Tango, dico da ignorante assoluta in materia). Per cui, si , in quell’occasione non ne ho colto che un minimo bagliore, troppo breve l’esibizione, troppo ignara io di tutto quello che il Flamenco era ed è. Per cui , affatto, no che non mi offendo. Anzi. Ti ringrazio per questa tua spiegazione : non posso che darti ragione.

      Mi piace

  2. ciao Nora, sono sempre io a ringraziare te, lo sai che mi piace leggere quanto scrivi, te l’ho già detto e ripeto che scrivi bene, per questo mi permetto, da “sorella maggiore” se mi passi i termini, di esporti il mio pensiero. Abbi cura di te e trova il tempo per scrivere, è una passione la tua che trapela da ogni tuo pezzo. 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...