E poi..


E poi entri in una casa che sa di buono. Piccola, piena di cose, ognuna delle quali racconta una storia, un viaggio, un momento vissuto. E poi sorseggi un caffè, buono anche senza zucchero, mentre parli, ascolti, sorridi. E poi pensi all’estate e al tavolinetto in cortile, da cui non si vede la strada rumorosa ma solo i vasi di fiori e i rampicanti e non sembra davvero di stare in città. E poi, bisognerebbe sempre andare a lavorare con in bocca il sapore del cioccolato al pistacchio.
Ecco.

Annunci

Autore: Nora Marchini

Passa il tempo, passano le cose, i mestieri, si sceglie di seguire una strada al posto di un'altra. Si sbaglia, si ricomincia, si sbaglia ancora, si ricomincia ancora. Non vediamo il traguardo che pure arriverà. Quello che conta è vivere, oggi, come fosse il traguardo. Giornalista pubblicista, mamma, amo le emozioni, il mare, la musica, i libri, i luoghi, l'arte. Vivo All'Aquila e provo a indovinare dove mi porterà la vita.

2 thoughts on “E poi..”

  1. Bello, da come scrivi sembra di esserci dentro in quella casa. Io quando da ragazzo abitavo in via Patini, avevo un giardino interno al palazzo, e faceva uno strano, ma bell’effetto il poter stare in mezzo ai palazzi intorno e al verde con tanto di alberi e nello stesso momento ascoltare il vocio delle persone e i rumori del traffico. Si hai letto bene, traffico, perché a quei tempi si poteva transitare con le macchine in via Patini. Di questi giardini l’Aquila è piena 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...